Tragedia funivia Stresa-Mottarone: il drammatico video dell'incidente. IMMAGINI FORTI

Adjust Comment Print

Come la cabina nella quale si trovavano 15 persone mentre stava per entrare nella stazione sia improvvisamente partita, iniziando ad andare all'indietro e percorrendo circa 300 metri agganciata alla fune portante - lunghissimi secondi, che abbiamo scelto di non mostrare -, per poi precipitare.

Diffuse dalle telecamere di videosorveglianza le drammatiche immagini della rottura e della caduta della cabina numero 3.

Nel filmato, ripreso dalla telecamera posta in cima all'impianto della funivia, si vede la cabina giungere a un metro dal traguardo e si scorgono chiaramente anche diversi passeggeri, che già si stavano preparando per scendere. La cabina ha dunque iniziato a correre a valle fino ad impattare contro un pilone e scaraventarsi al suolo.

Meteo: il CALDO INTENSO rimarrà lontano dall'Italia nei prossimi giorni
Le temperature non subiranno comunque variazioni significative salvo una leggera flessione delle massime . Centro Italia e Sardegna: - Allerta meteo di livello giallo su Umbria, Marche ed Abruzzo .

Due video che il Corriere ha ottenuto nella mattinata di mercoledì 16 giugno, ma che ha deciso di non mostrare in forma integrale. L'accusa è di concorso in omicidio colposo plurimo, lesioni colpose gravissime, falso in atto pubblico e rimozione dolosa di sistemi di sicurezza. Senza freni, poiché erano bloccati dal "forchettone". Secondo quanto emerso la funivia era appena stata revisionata e la sostituzione dei cavi era prevista per il 2029.

Le immagini sono ora al vaglio degli inquirenti della procura di Verbania che indagano sul gestore della funivia, Luigi Nerini, il direttore di esercizio Enrico Perocchio, e il capo servizio, Gabriele Tadini.

Intanto i Carabinieri di Verbania si sono presentati a Vipiteno presso la sede della Leitner, la società incaricata della manutenzione della funivia del Mottarone. L'obiettivo è quello di acquisire tutta la documentazione riguardante l'impianto e la sua manutenzione degli ultimi anni.

Comments